Uncategorized

Il colle più alto di Roma

Ci siamo. Da domani le Camere dei due rami del Parlamento sono riunite in seduta comune per eleggere il nuovo Capo dello Stato. Ai parlamentari eletti e ai senatori a vita si aggiungono i grandi elettori nominati dai consigli regionali. Ben 1009 grandi elettori per eleggere la carica più importante del nostro ordinamento democratico repubblicano. A questo appuntamento si arriva con grandi incertezze. I partiti non sono riusciti a trovare un nome e nemmeno un cammino comune per arrivare pronti all’elezioni. Certo, Sergio Mattarella lascia un’eredità morale e rispettosa della Costituzione che qualsiasi altro nome fa fatica ad essere accostato. Ma è stato lo stesso Capo dello Stato uscente a indicare la via da seguire: Non c’è spazio per doppi mandati. La politica deve tornare a essere centro della vita democratica della Nazione. Si è sprecato tanto tempo su un nome improponibile per la sua storia personale e per il suo uso delle Istituzioni. Al centro destra è mancata, in questa fase, una guida autorevole per poter condurre gli incontri e la primogenitura di un candidato condiviso. Al centro sinistra, aggrovigliato nei veti delle sue diverse anime, rischia di mancare la lucidità del momento presente. I nomi che saranno messi in campo per i primi scrutini, in cui viene richiesto il quorum dei tre quarti dei aventi diritti per essere eletti, non possono essere di bandiera e di tattica politica. Le indicazioni dei partiti devono essere chiare come viene richiesto dal momento presente. L’incertezza della politica può ricadere negativamente sulla vita reale del Paese. Né tantomeno l’agenda politica può essere scritta da eventi esterni. La scelta del nuovo Capo dello Stato è una scelta di visione politica lungimirante. I suoi sette anni al colle più alto di Roma determinano scelte, come si è visto negli ultimi 30 anni, che influenzano la politica italiana. Chiamato a essere custode della Costituzione e dell’Unità nazionale, il nuovo Presidente della Repubblica deve rispondere a questi requisiti con il suo vissuto fin qui fatto. La politica, con i leader attuali, appare debole per sostenere un percorso così alto. Spetta però alla stessa politica, mettere da parte visioni di breve termine, per poter essere da guida del Paese. La politica, con la P maiuscola, sia al servizio delle Istituzioni e dell’ordinamento democratico. Ogni sua crepa, determina scorciatoie che non sempre sono efficaci.

Sono nato A S. Marco in Lamis e qui si vivo con passione e amore per la mia città. Ho una famiglia formata da mia moglie Michela e i miei due figli Michele Pio e Piergiorgio. Sono un educatore dei giovanissimi di Azione Cattolica e dal 2011 sono giornalista pubblicista. Sono animatore della cultura e della comunicazione promossa dalla Pontificia Università Lateranense e dalla Conferenza Episcopale Italiana. Sono stato collaboratore del giornale diocesano di Foggia- Bovino, Voce di Popolo e addetto stampa diocesano per l'Azione Cattolica. Attualmente curo la pagina facebook della Comunità Pastorale SS. Annunziata- S. Antonio Abate- S. Maria delle Grazie in S. Marco in Lamis. Collaboro con i siti cittadini e provinciali. Negli anni passati sono stato responsabile del Gruppo di Laboratorio di Formazione Sociale, promuovendo diversi incontri sulla dottrina sociale della Chiesa. Sono anche Presidente del Comitato Festa patronale S. Marco evangelista e in questa veste, con tutto il comitato, abbiamo promosso il restauro dell'effige del Santo e l'istituzione del Premio "Segno di Speranza".

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.