CASCA RACCONTA

Casca racconta: Il sogno di un bambino

Cosa vorresti fare da grande? 

È questa la domanda che di solito viene posta ai bambini da parte dei genitori, dei nonni o da tanti altri conoscenti. A cinque anni, otto o nove non si è ancora in grado di capire cosa succederà in futuro e di conseguenza non si è in grado di rispondere con sicurezza e precisione. Una delle risposte più quotate è quella del calciatore. 

La mia non era questa. È vero, sono cresciuto a latte biscotti e gol ma il mestiere del calciatore non mi ha mai entusiasmato più di tanto. Ho resistito solo per un mese a calcetto. Volevo entrare in polizia, essere membro delle forze dell’ordine e fare del bene per i cittadini. A proposito, colgo l’occasione per ringraziare tutti gli uomini e le donne in divisa per quello che fanno. 

Ma la mia strada non era quella. 

Fu così che ebbe inizio un sogno. 

Cari lettori, questo non è il solito articolo ma una breve storia. Mi sono immedesimato in un bambino di Kiev che sogna di poter diventare un giornalista.

Kiev, 24 febbraio 2022. 

Iniziano i bombardamenti sulla capitale ucraina. La gente è disperata. C’è chi urla e chi piange per il dolore. I pianti disperati dei neonati sono di aiuto, un grido di allarme che scuote anche il fumo e la polvere dei fabbricati caduti sotto i colpi. 

Quel campo da calcio posto quasi al centro del parcheggio di un piccolo paesino nei pressi della capitale non è più lo stesso. Ieri c’erano i bambini che costruivano le porte con le ruote, giocavano alla tedesca ed esultavano alla “Sheva” (nome con cui è chiamato il calciatore Andrij Sevcenko), oggi, invece, non è rimasto più nulla. Hanno rovinato il destino dei ragazzi. Prima, anche uno sguardo in alto verso la magnifica Donbass Arena poteva essere di aiuto e coraggio verso chi sognava di fare il calciatore. 

Per strada non c’è nulla, solo macerie, carri armati e in cielo gli elicotteri. La sera c’è il coprifuoco. Mi è rimasta solo una penna con dei fogli, questi ultimi bagnati dalle tante lacrime versate. 

La mia forza è quella di raccontare tutto. Tutti i giorni scrivo qualcosa, lo faccio per la mia famiglia e i miei amici. Mi farebbe piacere se un giorno, dietro la scrivania di un Tg nazionale, vedessero il mio volto o ascoltassero una mia telecronaca della partita della Nazionale ucraina. Vivo quello che scrivo. Posso raccontare in prima persona di aver vissuto il momento in cui ti crolla il mondo addosso, cosa che gli altri per fortuna possono solo sognare. 

Ho scelto di scendere in campo ma non con un pallone, con delle scarpe o con una semplice maglietta del mio calciatore preferito, ma l’ho fatto con il cuore e la semplicità che mi è stata donata. 

“Il sogno di un bambino” è stato selezionato da Vivo per Lei, blog della testata giornalistica Calciomercato.com, come miglior articolo non sportivo.

Studente di giornalismo, relazioni pubbliche e digital media presso l'Università LUMSA di Roma. Cresciuto a latte, biscotti e gol e appassionato di scrittura e musica. A 16 anni ho iniziato a scrivere per il quotidiano online Solofoggia e mi sono occupato delle notizie riguardanti il Foggia Calcio e le squadre locali. Ho collaborato con MondoPrimavera, testata giornalistica sul calcio giovanile e con il portale SanGiovanniRotondoFree, dove ho avuto il piacere di poter intervistare diversi personaggi del mondo dello spettacolo. Ho realizzato diversi approfondimenti per JuPassion, community social dedicata alla Juventus. Il 22 dicembre 2021 ho fondato il blog "La Rivista Solidale". Da settembre di quest'anno sono tornato nella redazione di Solofoggia. Da circa un anno sono responsabile dell'ufficio stampa della comunità Laudato Sì di San Giovanni Rotondo.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *